Profilo

dell'Artista

Si fa presto a innamorarsi delle figure femminili di Daria Petrilli. 

Sono surreali, eteree ed irraggiungibili. Hanno dita affusolate alla maniera del Bronzino e sognano, distese dolcemente su petali accoglienti.

Le donne sono al centro delle opere, incorniciate in atmosfere intime, decisamente surreali. Sono immagini oniriche che raccontano storie di solitudini. 

Sovente hanno gli occhi bassi ma, quando alzano lo sguardo, ti trafiggono! Spesso ritratte in scene con animali, sono dame con abiti novecenteschi o pallide bellezze vittoriane, che stanno immobili, come pietrificate. Sono strani esseri con ali e piume, conchiglie e fiori ad adornarne i corpi.

Daria, sola davanti alla tela, disegna il suo immaginifico. Ritrae passioni ed ossessioni. I suoi soggetti sono “ampolle d’emozioni”. Le sue protagoniste, quasi magnetiche, ti invitano ad oltrepassare la soglia che separa il sogno dalla realtà.

Le sue signore, come i putti di Raffaello, hanno dimestichezza con docili pennuti. Questi animaletti, però, sono diversi dagli “uccelli del paradiso” perché messaggeri di ossessioni primordiali. Così flamingo e pappagalli, pettirossi, oche in stormi e alcioni impettiti che, se non son degni del giardino dell’Eden almeno valgono il purgatorio, paiono essere in grado di sublimare i limiti che la tecnica impone all’immaginario dell’autrice. Sono catturati in illustrazioni digitali, una tecnica che rielabora le immagini. Il risultato è un figurativo che evoca l’arte classica pur attingendo a una produzione digitale.

Daria Petrilli è volutamente provocatoria:            

“Rimaneggio fotografie con interventi di digital painting, creo un collage… un tripudio di Photoshop! Avrei potuto usare 

anche strumenti tradizionali, ma queste illustrazioni sono nate per un divertimento personale e le ho realizzate senza i veti di una committenza e nel modo più immediato. Spero di produrne ancora se non verrò troppo spesso interrotta da quello che c’è al di fuori dello schermo del mio Mac!”Le sue opere trapassano i confini tra realtà ed immaginazione con un linguaggio, elegante e sublime, che gioca sul “file rouge”dell’ambiguità. E’ un’arte borderline tra l’incanto del Rinascimento italiano ed il linguaggio underground del Pop Surrealismo.

La

Biografia

Daria Petrilli vive e lavora a Roma.

Ispira la sua arte alla professione di illustratrice specializzata nel disegno per l’infanzia.

Referenze

Mostre e pubblicazioni

Daria Petrilli ha partecipato, esposto e pubblicato in tutto il mondo. E’ Membro dal 2005 dell’Associazione Italiana Illustratori. Le sono stati tributati gli Awards di riconoscimento del proprio lavoro negli anni 2005,2006,2007,2008.

DAriaPetrilli

Artista

Piazza S. Maria Ausiliatrice 38
00181 Roma Italy